La rete Adessonews è un aggregatore di news è pubblica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana.  Puoi richiedere la rimozione o inserimento degli articoli  in qualsiasi momento clicca qui.  Al termine di ciascun articolo puoi individuare la provenienza.

Cerca: Agevolazioni Finanziamenti Norme e Tributi sulla rete ADESSONEWS

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
#adessonews
Nostri Servizi

Assegno circolare: incasso e scadenza

Finanziamenti - Agevolazioni - Norme - Tributi

Operativi su tutto territorio Italiano

 

Ci sono casi in cui il semplice assegno non basta. Spese molto ingenti richiedono infatti strumenti differenti, con caratteristiche ben diverse. L’acquisto di una casa o di una macchina, per esempio, non possono certo venir trattate “staccando” un normale assegno dal libretto. È proprio in questi casi che ci viene in aiuto uno di questi strumenti: l’assegno circolare. Un titolo di credito molto conosciuto ai più, ma spesso non nei suoi aspetti più importanti.

    <h2>Cos’è l’assegno circolare?</h2> 
    <p>Andiamo per ordine. L’assegno circolare è un titolo di credito così detto “a vista”(significa pagabile all’atto della presentazione), con il quale la banca emittente garantisce di pagare la somma di denaro segnalata sull’assegno a favore del soggetto indicato sullo stesso, soggetto definito come beneficiario.</p> 
    <h2>Assegno circolare: come richiederlo</h2> 
    <p>Se hai bisogno di un assegno circolare il primo passo è quello di  rivolgersi a una banca e compilare e firmare il modulo di richiesta. Il rilascio è ovviamente legato all’aver depositato anticipatamente in banca la somma dell’assegno circolare richiesto. Solitamente l’emissione avviene in seguito all’addebito sul proprio conto corrente della somma.</p> 
    <p>È proprio tale particolarità a rendere l’assegno circolare un<em> titolo di credito a copertura garantita,</em> perché la sua emissione è soggetta a valutazione preventiva della disponibilità economica del soggetto richiedente. Nota bene, l’emissione è gratuita non essendoci alcun tipo di costo.</p> 

    <p>Le banche che hanno facoltà di emettere questo tipo di assegno devono obbligatoriamente avere un autorizzazione della Banca d’Italia.</p> 
    <h2>Assegno circolare non trasferibile</h2> 
    <p>Un tipo di assegno circolare molto utilizzato è l’assegno circolare non trasferibile. La presenza della clausola di “non trasferibilità” obbliga a specificare con esattezza il nome o la Ragione Sociale del beneficiario, il solo e unico in grado poi di incassarlo e l’unico che può recarsi in banca per il suo cambio in contanti o per il trasferimento della somma sul proprio conto corrente.</p> 
    <p>Le nuove regolamentazioni fanno sì che ogni assegno circolare sia oggi <em>non trasferibile</em>. Per importi che non superino i 5.000 € è però possibile chiedere alla Banca, attraverso richiesta scritta,  l’esclusione della clausola. Questi titoli possono dunque essere trasferiti ad altri beneficiari senza dover per forza andare in banca, basta una semplice firma (questa possibilità è definita con il termine <em>girata</em>).</p> 

    <p>Gli assegni circolari non trasferibili sono strumenti molto sicuri, che garantiscono e salvaguardano i cittadini da situazioni potenzialmente critiche.</p> 

     <a href="https://postabout.it/Oo" target="_blank" rel="noopener noreferrer"><img alt=" Assegno circolare, istruzioni per l'uso " height="80" src="https://6sicuro-static.kxscdn.com/sp-resources/img/placeholder.png" width="200" /></a> 
     <em>Assegno circolare: incasso e scadenza https://bit.ly/1Np0KHk via @6sicuro</em> 

    <h2>Assegno circolare postale</h2> 
    <p>Insieme a conti correnti e carte di credito, anche l’assegno circolare postale ha fatto la sua comparsa, disponibile però solo per i clienti dell’azienda postale. Uno strumento uguale per caratteristiche a quello emesso in banca, con la sola differenza che va richiesto presso un <a href="https://www.6sicuro.it/consigli-risparmio/libretto-postale" target="_blank" rel="noopener noreferrer">ufficio postale</a>.</p> 
    <p>Anche nella versione postale, tutti gli assegni circolari risultano non trasferibili. Per cifre non superiori a 1.000 € è possibile non rispettare la clausola, ma bisogna comunque richiedere in filiale assegni senza l’apposita dicitura “Non trasferibile” (al costo di 1,50 €).</p> 
    <h2>Assegno circolare: scadenza</h2> 
    <p>Anche gli assegni circolari hanno un determinato tempo di vita, validità che utenti e banche devono tassativamente rispettare per evitare possibili problemi in fase di cambio. Va precisato che tale lasso temporale non è, come molti pensano, di 30 giorni; questo limite definisce entro quanto il cliente deve presentarsi in banca per l’incasso. Volendo essere precisi, il beneficiario ha il dovere di incassare o cambiare l’assegno entro 8 giorni (se residente nello stesso comune in cui viene emesso), o 15 giorni (se in un comune diverso).</p> 
    <p>Anche passate tali scadenze il titolo non perde validità, solo l’emittente ha facoltà di revocarlo. In questo caso il beneficiario non può agire legalmente.</p> 
    <p>Il punto chiave non è quindi tanto la validità dell’assegno circolare, quanto il diritto di revoca del suo pagamento. Questo può benissimo essere cambiato anche dopo mesi dalla emissione, ma nel caso la banca dovrà obbligatoriamente richiedere il permesso al soggetto emittente.</p> 
    <h2>Assegno circolare: incasso</h2> 
    <p>La natura stessa dell’assegno circolare fa sì che sia immediatamente disponibile per la riscossione. Basta infatti presentarsi ad un qualsiasi sportello della banca emittente con un documento d’identità valido (necessario a confermare che il soggetto sia il beneficiario). Necessaria ovviamente la dicitura “pagabile a vista” (attenzione, senza questa sarebbe nullo).</p> 
    <p>Le ultime norme legate alla crisi fanno sì che se l’importo da incassare supera i 1.000 €, siano applicate delle tasse che andranno pagate con bolli emessi nello stesso giorno di erogazione.</p> 
    <p>Un’altra forma di riscossione è versare l’assegno circolare nella banca dove abbiamo il conto corrente (non importa che sia diversa dalla banca emittente l’assegno circolare). Pochi giorni e la somma dell’assegno potrà essere disponibile sul nostro conto.</p> 
    <p>Come detto più volte il beneficiario è l’unico soggetto con la facoltà di riscuotere l’assegno. Proprio per questo in molti casi può essere comodo (come in molti altre situazioni burocratiche) delegare una persona di fiducia. Una prassi comoda ma non semplicissima: non può infatti essere realizzata in carta semplice, ma solo tramite notaio. Un costo notevole che bisogna considerare attentamente.</p> 


    <p> 
     <h3><em>Correlati</em></h3> 
    </p>

Source

Finanziamenti - Agevolazioni - Norme - Tributi

Operativi su tutto territorio Italiano

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: