la commissione di anticipata estinzione può essere computata solo ove concretamente applicata –

ISSN 2385-1376

Segnalato dall’Avv. Ernesto Capobianco del Foro di Bari

In tema di usura, la cd. commissione di anticipata estinzione, secondo il principio dell’effettività degli oneri eventuali, può essere computata ai fini della verifica del rispetto del tasso soglia solo ove, oltre ad essere stata promessa, sia stata anche effettivamente applicata, trattandosi di onere eventuale.

Sostenere, infatti, che il tasso soglia ex L. 108/1996 sarebbe superato per effetto dell’inclusione nel TAEG dell’incidenza percentuale della penale per l’estinzione anticipata del mutuo, finisce per postulare una sorta di “tasso sommatoria” fra voci affatto eterogenee per natura e funzione, quali gli interessi corrispettivi e la penale. Gli interessi attengono alla fase “fisiologica” del finanziamento: essi remunerano la Banca per il prestito richiesto dal mutuatario ed hanno un’applicazione certa e predefinita, legata all’erogazione del credito, costituendo, in ultima analisi, il “costo del denaro” per il mutuatario; la penale per estinzione anticipata del mutuo, di contro, costituisce un elemento accidentale del negozio, avendo natura eventuale ed essendo funzionale ad indennizzare il mutuante dei costi collegati al rimborso anticipato del credito.

L’esecuzione sui beni e sui frutti del fondo patrimoniale è consentita, a norma dell’art. 170 cod. civ., soltanto per debiti contratti per fare fronte ad esigenze familiari, sicché in sede di opposizione al pignoramento spetta al debitore provare che il creditore conosceva l’estraneità del credito ai bisogni della famiglia, sia perché i fatti negativi non possono formare oggetto di prova, sia perché esiste una presunzione di inerenza dei debiti ai detti bisogni.

La costituzione del fondo patrimoniale prevista dall’art. 167 cod. civ., così come stabilito dall’art. 162 cod., civ. per tutte le convenzioni matrimoniali, è opponibile ai terzi esclusivamente a partire dalla data dell’annotazione a margine dell’atto di matrimonio nei registri dello strato civile, non potendosi retrodatare la produzione degli effetti alla data di proposizione della domanda di annotazione od anticiparli alla data della trascrizione effettuala ex art. 2647 cod., civ., ed avente l’esclusiva funzione di pubblicità notizia.

Questi i principi espressi dal Tribunale di Trani, Dott. Ivan Barlafante, con l’ordinanza dell’11.01.2017.

Nel caso considerato, un debitore proponeva opposizione all’esecuzione promossa nei suoi confronti dalla Banca, chiedendone la sospensione ed assumendo, sotto il profilo del fumus boni iuris, l’usurarietà originaria del contratto di mutuo fondiario sottoscritto tra le parti, garantito da ipoteca, nulla rilevando in ordine al profilo del periculum in mora.

La Banca, nel costituirsi in giudizio, chiedeva il rigetto della domanda cautelare di sospensione dell’esecuzione.

Il Tribunale di Trani, in ordine alle contestazioni sollevate da parte ricorrente in punto di usura, preliminarmente, richiamava il principio ormai consolidato nella giurisprudenza di legittimità, secondo cui, in tema di usura, la cd. commissione di anticipata estinzione, può essere computata ai fini della verifica del rispetto del tasso soglia solo ove, oltre ad essere stata promessa, sia stata anche effettivamente applicata, trattandosi di onere eventuale.

Ad avviso del Giudice adito, infatti, sostenere che il tasso soglia ex L. 108/1996 possa risultare superato per effetto dell’inclusione nel TAEG dell’incidenza percentuale della penale per l’estinzione anticipata del mutuo, finirebbe per postulare una sorta di “tasso sommatoria” fra voci affatto eterogenee per natura e funzione, quali gli interessi corrispettivi e la penale: infatti, gli interessi attengono alla fase “fisiologica” del finanziamento, remunerando la Banca per il prestito richiesto dal mutuatario ed hanno un’applicazione certa e predefinita, la penale per estinzione anticipata del mutuo, di contro, costituisce un elemento accidentale del negozio, avente natura meramente eventuale.

Tanto premesso, il Tribunale pugliese rilevava che il tasso moratorio concretamente applicato, non superava il tasso soglia e che, inoltre, la Banca si era legittimamente avvalsa della clausola risolutiva espressa, essendosi verificati i presupposti previsti dal contratto.

In ordine alla eccezione relativa alla presunta illegittimità della procedura espropriativa per sussistenza di fondo patrimoniale, il Giudice, ribadito che l’esecuzione sui beni e sui frutti del fondo patrimoniale è consentita, a norma dell’art. 170 cod. civ., soltanto per debiti contratti per fare fronte ad esigenze familiari, sicché in sede di opposizione al pignoramento spetta al debitore provare che il creditore conosceva l’estraneità del credito ai bisogni della famiglia, sia perché i fatti negativi non possono formare oggetto di prova, sia perché esiste una presunzione di inerenza dei debiti ai detti bisogni, specificava, tuttavia, che la costituzione del fondo patrimoniale prevista dall’art. 167 cod. civ., così come stabilito dall’art. 162 cod. civ. per tutte le convenzioni matrimoniali, è opponibile ai terzi esclusivamente a partire dalla data dell’annotazione a margine dell’atto di matrimonio nei registri dello strato civile, non potendosi retrodatare la produzione degli effetti alla data di proposizione della domanda di annotazione od anticiparli alla data della trascrizione effettuala ex art. 2647 cod., civ., ed avente l’esclusiva funzione di pubblicità notizia.

All’uopo, premesso, dunque, che, nel caso di specie, il fondo patrimoniale era stato costituito in data successiva rispetto al maturare della debitoria dell’esecutato, avente origine dall’attività imprenditoriale posta a fondamento e sostentamento della famiglia, ancorché non esclusiva e che, mai, il debitore esecutato aveva contestato la sua posizione debitoria nei confronti della Banca, il Giudicante dichiarava, in relazione alla verosimile infondatezza dei motivi di opposizione, l’insussistenza dei gravi motivi, richiesti dalla legge, ai fini della sospensione dell’esecuzione.

Sulla base di quanto esposto, il Tribunale di Trani rigettava la domanda di sospensione, assegnando un termine alle parti per l’eventuale introduzione del giudizio di merito e condannando parte ricorrente alla rifusione, in favore della Banca, delle spese di lite.

Per ulteriori approfondimenti in materia, si rinvia si seguenti contributi pubblicati i Rivista:

USURA: NO ALLA SOMMATORIA DI TASSI CORRISPETTIVI E DI MORA

LA PENALE DI ESTINZIONE ANTICIPATA VA ESCLUSA DAL TEG

Sentenza | Tribunale di Roma, dott. Vittorio Carlomagno | 16.06.2016 | n.12284

USURA: LA COMMISSIONE DI ANTICIPATA ESTINZIONE DEL MUTUO È RILEVANTE SOLO SE EFFETTIVAMENTE APPLICATA

PER IL PRINCIPIO DELL’EFFETTIVITÀ DEI C.D. ONERI EVENTUALI NON È SUFFICIENTE LA SOLA PATTUIZIONE DELLA CLAUSOLA NEL CONTRATTO

Ordinanza | Tribunale di Pordenone, Dott. Francesco Petrucco Toffolo | 23.05.2016 |

USURA: È INAMMISSIBILE LA SOMMATORIA TRA INTERESSI CORRISPETTIVI E COMMISSIONE DI ESTINZIONE ANTICIPATA

Richiedi informazioni e/o consulenza gratuita

Finanziamenti - Agevolazioni - personali e aziendali

Tutela patrimoniale e assistenza giudiziale per i sovraindebitati "prestito fondo antiusura"

Operativi su tutto territorio Italiano

 

LE DUE VOCI CONSEGUONO A DUE EVENTI ALTERNATIVI: L’ADEMPIMENTO E L’INADEMPIMENTO CONTRATTUALE

Ordinanza | Tribunale di Torino, Dott. Bruno Conca | 28.03.2016 |






Thanks!

Thanks for getting in touch with us.

© Riproduzione riservata

NOTE OBBLIGATORIE per la citazione o riproduzione degli articoli e dei documenti pubblicati in Ex Parte Creditoris.

È consentito il solo link dal proprio sito alla pagina della rivista che contiene l’articolo di interesse.

È vietato che l’intero articolo, se non in sua parte (non superiore al decimo), sia copiato in altro sito; anche in caso di pubblicazione di un estratto parziale è sempre obbligatoria l’indicazione della fonte e l’inserimento di un link diretto alla pagina della rivista che contiene l’articolo.

Per la citazione in Libri, Riviste, Tesi di laurea, e ogni diversa pubblicazione, online o cartacea, di articoli (o estratti di articoli) pubblicati in questa rivista è obbligatoria l’indicazione della fonte, nel modo che segue:

Autore, Titolo, in Ex Parte Creditoris – www.expartecreditoris.it – ISSN: 2385-1376, anno
Collabora con Noi
Numero Protocolo Interno : 177/2017

Source

L’articolo la commissione di anticipata estinzione può essere computata solo ove concretamente applicata – proviene da Adessonews aggregatore di news: replica gli articoli dalla rete senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione. Puoi richiedere la rimozione o inserimento degli articoli in qualsiasi momento..

Richiedi informazioni e/o consulenza gratuita

Finanziamenti - Agevolazioni - personali e aziendali

Tutela patrimoniale e assistenza giudiziale per i sovraindebitati "prestito fondo antiusura"

Operativi su tutto territorio Italiano

 

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto   dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana.   Per richiedere la rimozione degli articoli clicca qui.    

Al termine di ciascun articolo puoi individuare la provenienza

---------------------

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: